News e Eventi

Analisi di una relazione d’inchiesta. Roma Ciampino 10.11.2008

Qualche mese fa avevamo dato notizia della pubblicazione della relazione di inchiesta su questo incidente, emessa ben dieci anni dopo il verificarsi dell’evento, rimandando ad un successivo aggiornamento di questo sito gli eventuali commenti e osservazioni.

Una attenta lettura della relazione di inchiesta ha posto in luce alcuni aspetti che non sembrano essere stati adeguatamente trattati, specie a livello di raccomandazioni. Queste infatti costituiscono la parte proattiva delle inchieste che come è noto tendono esclusivamente all’accertamento delle cause ed alla prevenzione di incidenti futuri. Mentre in questo caso le cause appaiono sufficientemente chiare, si avverte tuttavia la mancanza di alcune raccomandazioni che si è cercato invece di sottolineare al fine di modificare l’opinione purtroppo ancora diffusa che vede i bird strike come un evento naturale inevitabile e imprevedibile.

Al contrario essi, ancorché la loro eliminazione totale sia impossibile, sono un fenomeno che deve essere previsto, circoscritto e contenuto entro margini accettabili di rischio.

I commenti alla relazione si possono leggere qui


 
Pubblicato il Rapporto 2017 del BSCI

E’ finalmente disponibile sul sito istituzionale dell’ENAC il rapporto annuale del BSCI relativo all’anno 2017.

https://www.enac.gov.it/sites/default/files/allegati/2019-Mar/Relazione_WS_2017.pdf

Il motivo del ritardo nella pubblicazione sarebbe da riscontrarsi - pare - nelle complesse procedure di nomina di un consulente esperto esterno. E’ tuttavia singolare il fatto che l’Autorità Italiana per l’Aviazione Civile non disponga stabilmente nel proprio organico di un proprio nucleo di esperti della materia.

Tutto ciò premesso, si riscontra con piacere nel 2017 un calo del numero complessivo degli impatti, che si auspica possa rappresentare un trend destinato a proseguire. Tuttavia occorre sempre rimarcare, come del resto anche lo stesso BSCI osserva, che fluttuazioni statistiche possono dipendere da vari fattori ed è presto per cantare vittoria.

Come di consueto vogliamo offrire un contributo all’approfondimento della problematica con alcune osservazioni e commenti alla relazione. 


 
Bird strike (con ingestione)

Straordinaria foto che documenta gli effetti di un’ingestione di volatili in un motore di un C17 militare. La foto è stata scattata durante il recente Australian Air Show tenutosi a Avalon (Victoria) dal 1 al 3 Marzo.

(Foto di Mitch Getson)


 
Bird strike multiplo (con riflessione)

Il video che compare cliccando sul link sottostante mostra un evento (non raro) di birdstrike multiplo con gabbiani. Il fatto è avvenuto a Barcellona il 5.5.2018. La cosa che impressiona maggiormente è il numero di uccelli che cadono sulla pista dopo l’impatto nonostante il loro tentativo di evitare lo scontro con un gigante che vola a 250 km/h con i motori al minimo. La cosa invece sconcertante è che di questo evento non c’è traccia perfino nei siti web più documentati in materia.

Il che induce a riflettere sull’attendibilità delle statistiche e sul fatto, lamentato anche dall’ICAO, che il 70% degli impatti non viene neppure segnalato.

https://www.aviation24.be/airlines/ryanair/multiple-birdstrike-boeing-737-800-barcelona-airport

 
Pubblicate le Australian aviation wildlife strike statistics 2008 – 2017- In aumento le doppie ingestioni

L’ente australiano per la sicurezza (ATSB) ha pubblicato le statistiche relative agli impatti con la fauna selvatica occorsi nel periodo 2008-2017. https://www.atsb.gov.au/media/5775747/ar-2018-035_final.pdf  

Dalla relazione si evince che nel decennio considerato vi sono stati 11 eventi di doppie ingestioni nei motori di un aeromobile. Di questi solo uno ha riguardato un quadrimotore mentre tutti gli altri sono avvenuti a carico di bimotori.


 
Rapporto finale sull’inconveniente grave GoAir del 21.6.2017

L’autorità indiana ha diffuso il rapporto finale sull’inconveniente occorso in data 21.6.2017 a un A320 della compagnia GoAir. Durante la corsa di decollo un uccello impattò sul motore destro causando vibrazioni e rumori anormali. L’equipaggio proseguì il decollo, spense il motore sinistro (quello non coinvolto) e decise di rientrare all’atterraggio. Durante la manovra si accorse di aver spento il motore sbagliato, lo riaccese e atterrò senza ulteriori problemi

http://dgca.gov.in/accident/reports/incident/VT-GOS.pdf

 
“In assenza di parametri anormali l’equipaggio decide di proseguire”

Anche in questo trimestre si è avuto un notevole numero di casi (almeno cinque) nei quali l’equipaggio, dopo aver subito un bird strike del quale ignora presumibilmente entità e danni, decide consapevolmente di proseguire il volo. Ragionevolmente saranno stati messi in conto gli eventuali rischi legati alla durata della tratta, alla presenza di aeroporti alternati lungo la rotta ecc… ma desta sempre perplessità il fatto che al termine del volo, che si conclude nella maggior parte dei casi con un rientro o un dirottamento, si accertino danni consistenti che impediscono l’effettuazione della tratta successiva o, peggio, determinino la sostituzione di un motore. Le compagnie aeree non hanno emanato direttive precise per questi casi e di conseguenza molto spesso gli equipaggi sono lasciati soli a decidere cosa fare. Sarebbe perciò auspicabile una posizione chiara in tal senso, ovviamente prudenziale e conservativa, da parte dei vettori.


 
Eventi rilevanti del trimestre Gennaio-Marzo 2019
  • 5 Gennaio - Tokyo
    ANA A321, durante la salita iniziale un motore ingerisce un volatile ma continua a funzionare; l’equipaggio prosegue fino a destinazione. Tuttavia l’aeromobile non può effettuare la tratta di ritorno in quanto viene accertata la mancanza della carenatura centrale del motore.
  • 6 Gennaio - San Paolo del Brasile
    TAAG Angolan Airlines, B777, durante l’avvicinamento un motore ingerisce un volatile e subisce la piantata; l’aeromobile atterra tuttavia normalmente ma non è in grado di effettuare la tratta successiva.
  • 10 Gennaio - Auckland
    Cathay Pacific B777, durante la salita iniziale attraversa uno stormo di uccelli e subisce diversi impatti. In assenza di parametri anomali l’equipaggio decide in un primo momento di proseguire il volo (per Hong Kong) ma successivamente rientra all’atterraggio circa 90 minuti dopo il decollo dopo aver scaricato carburante.



    (Il radome ammaccato, foto Tobias tratta da Avherald.com)
  • 11 Gennaio - Spokane (WA)
    United A320, durante la salita iniziale attraversa uno stormo di oche una delle quali impatta sul parabrezza lasciandolo coperto di sangue. L’equipaggio, viste le condizioni meteo a Spokane, decide di dirottare su Seattle circa 55’ dopo il decollo. 
  • 21 Gennaio - Tampa (FL)
    American Airlines A321, durante la salita iniziale a circa 400 ft. uno più uccelli impattano sul bordo d’attacco dell’ala destra causando danni; l’equipaggio decide di rientrare immediatamente 25’ dopo la partenza.



    (L’ala destra; foto di Chad Carroll tratta da Avherald.com) 
  • 22 Gennaio - Peshawar
    Pakistan International Airlines B777, durante la salita iniziale un uccello impatta sul radome causando un’ammaccatura; in assenza di indicazioni anomale l’equipaggio decide di proseguire fino a destinazione (Jeddah). Dopo aver raggiunto la quota di crociera e aver percorso 160 NM tuttavia si accorge di un anomalo consumo di carburante e decide di dirottare su Karachi.



    (Foto tratta da Avherald.com) 
  • 26 Gennaio - pressi Rio de Janeiro
    LATAM Chile B767, bird strike durante la salita iniziale; in assenza di indicazioni anomale l’equipaggio decide di proseguire e raggiunge FL330; tuttavia in seguito un motore comincia a dare segnali di malfunzionamento e viene spento. Dopo aver scaricato carburante l’aeromobile rientra all’aeroporto di partenza 105’ dopo il decollo. 
  • 31 Gennaio – Panama City
    COPA Airlines B737, durante la salita iniziale il motore destro ingerisce un volatile causando ripetuti “surge”; rientro immediato 15’ dopo il decollo;



    (Foto tratta da Avherald.com) 
  • 3 Febbraio – Ginevra
    United B767, interrompe il decollo ad alta velocità (130 kts) a causa dell’ingestione di un volatile in un motore; due aeromobili in avvicinamento hanno dovuto effettuare un go around; il volo è stato cancellato. 
  • 7 Febbraio – Londra (Heathrow)
    Air India B787, durante l’avvicinamento il vetro del parabrezza di incrina; viene riferito un impatto con un volatile; 
  • 10 Febbraio – Dubai
    Flydubai B737, durante la salita iniziale l’equipaggio comunica che un motore ha ingerito un volatile ma che continua a funzionare; poco dopo riporta che i motori continuano a funzionare ma la cabina si sta riempiendo di fumo. Rientro immediato circa 15’ dopo la partenza.
    https://www.arabianindustry.com/supply-chain/news/2019/feb/11/saudi-bound-flydubai-plane-declares-emergency-after-birdstrike-in-dubai-6037850 
  • 14 Febbraio – Toronto
    Air Canada Rouge B767, durante la corsa di decollo l’equipaggio vede un volatile e subito dopo percepisce un impatto e un’imbardata mentre i parametri restano normali. Decide perciò di continuare il decollo. Ormai in quota di crociera il motore sinistro manifesta tuttavia crescenti vibrazioni che inducono a rientrare all’aeroporto di partenza. Qui i tecnici constatano la necessità di sostituire il motore. Resti di un rapace sono stati trovati in pista. 
  • 24 Febbraio – Kalibo (Filippine)
    Cebu Pacific ATR72, interrompe il decollo a seguito dell’impatto con un volatile;
    https://www.sunstar.com.ph/article/1794182 
  • 26 Febbraio – Kasane (Botswana)
    South Africa Airlink ERJ135, in salita a 7000 ft. e a circa 240 kts. impatta con un avvoltoio che resta incastrato nel muso dell’aereo dopo aver forato la fusoliera pressurizzata dell’aeromobile.



    (Foto tratta da Avherald.com) 
  • 27 Febbraio – Lexington (KY)
    Expressjet CRJ200, durante l’avvicinamento subisce un impatto con uccelli;



    (Foto di Jay Brown tratta da Avherald.com) 
  • 5 Marzo, Beirut (o Abu Dhabi)
    MEA A320, all’arrivo ad Abu Dhabi viene riscontrato un bird strike in un motore che impedisce l’effettuazione della tratta di ritorno in orario;
    http://www.dailystar.com.lb/News/Lebanon-News/2019/Mar-07/478201-mea-civil-aviation-dispute-bird-strike-location-beirut-or-not-beirut.ashx 
  • 6 Marzo – Monaco
    Lufthansa A321, durante il decollo la TWR osserva del fumo uscire da un motore e qualcosa cadere a terra sulla pista; un’ispezione trova resti di volatile possibilmente appartenenti ad un grosso esemplare. L’equipaggio viene allertato e rientra circa 25’ dopo il decollo. Una successiva ispezione accerta che il motore destro aveva ingerito alcuni uccelli.
  • 7 Marzo - Brasilia
    LATAM A320, durante la salita iniziale il motore sinistro ingerisce diversi uccelli inducendo l’equipaggio a rientrare all’atterraggio circa 25’ dopo la partenza. 
  • 14 Marzo – Austin (TX)
    Delta A319, in avvicinamento impatta con un volatile che causa danni lievi al bordo d’attacco dell’ala destra. 
  • 14 Marzo – Rio de Janeiro
    Emirates B777, bird strike durante l’avvicinamento; l’aeromobile è stato impossibilitato ad effettuare la tratta successiva e il volo di ritorno che sono stati cancellati. 
  • 16 Marzo – Vancouver
    United A320, immediatamente dopo il decollo attraversa uno stormo di anatre e subisce impatti multipli; rientro immediato circa 20’ dopo i decollo; la pista di volo è stata chiusa per 15’ allo scopo di consentirne la pulizia. L’aeromobile ha subito impatti sul lato sinistro della fusoliera e ha riportato danni a 5 fan blades con il distacco di alcune e la deformazione di altre; tali danni hanno richiesto la sostituzione del motore sinistro. 
  • 19 Marzo – Boston (MA)
    Jetblue ERJ190, durante la salita iniziale impatta con un volatile e l’equipaggio decide precauzionalmente di rientrare;
    https://www.bostonherald.com/2019/03/19/suspected-bird-strike-forces-jetblue-flight-to-return-to-logan-airport/ 
  • 19 Marzo – Aberdeen
    Loganair Saab 340, subito dopo il decollo un bird strike costringe l’equipaggio al rientro immediato;
  • https://www.shetlandtimes.co.uk/2019/03/19/bird-strike-forces-sumburgh-flight-to-return-to-aberdeen 
  • 21 Marzo – Houston
    Southwest B737, in corto finale a circa 200 ft. attraversa uno stormo di piccoli uccelli; danni sconosciuti; 
  • 22 Marzo – Lahore
    PIA B777, durante l’avvicinamento un uccello colpisce l’ala sinistra e penetra nel bordo d’attacco rimanendovi incastrato; l’aeromobile non ha potuto effettuare il volo di ritorno;



    (Il volatile incastrato nel bordo d’attacco; foto tratta da Avherald.com) 
  • 26 Marzo – Kansas City (MO)
    Endeavor Air CRJ 900, bird strike durante l’avvicinamento a circa 4000 ft. 
  • 28 Marzo – Ottawa
    Air Canada A321, durante l’avvicinamento attraversa uno stormo di uccelli alcuni dei quali vengono ingeriti dal motore sinistro che riporta danni; l’equipaggio dichiara emergenza ed atterra con un solo motore;
    https://www.ctvnews.ca/canada/hairy-landing-for-air-canada-passengers-after-bird-strikes-engine-1.4356476 
  • 28 Marzo – Washington (DC)
    United B777, durante la salita iniziale impatta con un volatile “piuttosto grande”, come riportato dall’equipaggio, che decide di rientrare dopo aver scaricato carburante; a terra i tecnici rilevano che il danno è compatibile con la ripresa del volo che viene effettuato seppure con ritardo. 



    (I segni dell’impatto; foto tratta da Avherald.com) 
  • 29 Marzo – Corvera (Spagna)
    Ryanair B737, durante la salita iniziale un motore ingerisce un volatile; l’equipaggio decide di dirottare su Alicante; 
  • 30 Marzo – Belem (Brasile)
    Azhul Linhas Aereas A320, interrompe il decollo ad alta velocità a causa dell’ingestione di un volatile in un motore; volo cancellato;
    https://www.youtube.com/watch?time_continue=56&v=2hZ30UjLjkY 
  • 30 Marzo – Vagar (Isole Far Oer)
    Atlantic Airways A319, durante la salita iniziale un motore ingerisce un volatile; l’equipaggio rientra all’atterraggio 21’ dopo il decollo; il motore ha dovuto essere sostituito; 
  • 31 Marzo – Boston (MA)
    American Airlines ERJ190, bird strike durante la salita iniziale; l’equipaggio rientra circa 10’ dopo il decollo;
    https://boston.cbslocal.com/2019/03/31/boston-logan-airport-new-york-bound-flight-returns-bird-strike 
  • 31 Marzo – Monaco
    Easyjet A320, bird strike al momento della rotazione; rientro 25’ dopo il decollo; 
  • 31 Marzo – Shanghai
    Spring Airlines A320, interrompe il decollo a causa di un impatto con volatile; l’aeromobile non ha potuto proseguire il volo;

 
Il ruolo del controllo del traffico aereo nella prevenzione degli impatti con la fauna selvatica negli aeroporti.

Il controllo del traffico aereo gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione degli incidenti in un contesto normativo in genere chiaro e dettagliato. Tuttavia alcune vicende giudiziarie successive ad eventi di bird strike negli aeroporti hanno visto coinvolti gli enti di controllo del traffico aereo, in particolare la Torre di Controllo, cui in almeno un caso è stato richiesto di risarcire parte del danno in funzione di un’attribuzione di responsabilità.

In questo articolo Valter Battistoni analizza lo stato della normativa ICAO in materia, non tanto e non solo per accertare eventuali responsabilità del controllo del traffico aereo negli eventi di bird strike, quanto soprattutto per valutare se la predetta normativa prenda in considerazione, ed in che modo, il ruolo dell’ATC nella azione di prevenzione ai fini della sicurezza. Si cercherà inoltre di comprendere se la predetta normativa sia applicata in modo uniforme nelle regolamentazioni tecniche dei differenti paesi o se esistano diversità di interpretazioni. Ciò anche in considerazione dell’introduzione in molti aeroporti di nuovi strumenti di rilevazione a distanza, gli avian radar, che peraltro pongono ulteriori problemi di competenze e di gestione.


 
 
 
Loading
Archivio Generale