News e Eventi

Brutto periodo per Ural Air

Davvero un Agosto difficile per la compagnia russa! Inizia l’8 Agosto con un bird strike in atterraggio sull’aeroporto di Mosca Zhukovsky. Prosegue il 15 Agosto con uno dei più gravi incidenti della storia, che solo per il concorso di fortunate circostanze non si è mutato in tragedia. Si tratta di un atterraggio fuori campo di un A321, con 233 persone a bordo, a seguito di una ingestione di gabbiani in entrambe i motori. E termina il 30 Agosto a San Pietroburgo con un impatto multiplo che costringe in seguito a un dirottamento a Yekaterinburg. Due di questi episodi sono occorsi nell’aeroporto di Mosca Zhukovsky del quale parleremo immediatamente dopo.


 
Ural Airlines: doppia ingestione e atterraggio fuori campo a Mosca Zhukovsy

Il 15 Agosto sarà probabilmente annoverato fra le date in cui la bravura dei piloti e la fortuna hanno evitato una catastrofe. Il volo UralAir U6-178 diretto a Simferopol subito dopo il decollo subisce l’ingestione di gabbiani in entrambe i motori e costringe l’equipaggio ad un atterraggio di fortuna in un campo di mais a 4,5 km. dall’aeroporto. Durante l’evacuazione alcuni passeggeri riportano ferite ma non si registra alcuna conseguenza fatale. L’aeroporto di Zhukovsky, o Ramenskoye come appare nell’AIP russo, è il quarto aeroporto di Mosca. Lo stesso AIP non riporta alcun avviso circa la presenza di volatili né indica procedure per il loro allontanamento dal sedime (cfr.

http://www.caica.ru/common/AirInter/validaip/aip/ad/ad2/rus/uubw/1-ad2-rus-uubw-txt.pdf

La specie dei gabbiani coinvolti nell’incidente sembra essere quella dei Gabbiani reali nordici (Larus argentatus). L’aeroporto si trova nei pressi del fiume Moscova che potrebbe costituire un’attrattiva per tali uccelli.

Si tratta del nono caso negli ultimi due anni di doppia ingestione e la relativa frequenza di tali eventi dovrebbe convincere i regolatori a modificare in senso più restrittivo i requisiti di certificazione dei motori. Infatti le doppie ingestioni e la relativa perdita di potenza dei propulsori, oltre agli effetti diretti sul volo, spesso sono accompagnate da altri fattori causali e possono portare ad eventi ad alto rischio e potenzialmente catastrofici.

La tabella sottostante (fonte: http://www.otpugivanie.narod.ru/eng.html), con un numero di impatti irragionevolmente basso fino al 2014 e un incremento vistoso negli anni successivi, dimostra che la Russia sembra aver preso coscienza della pericolosità del fenomeno intensificando l’azione di reporting. Il dato appare però ancora troppo basso rispetto ai numeri reali degli impatti (un migliaio di impatti l’anno è infatti il dato italiano, la cui rete di aeroporti e di voli è di gran lunga inferiore a quella russa). In parte il fenomeno si spiega col fatto che il reporting degli impatti in Russia è ancora sostanzialmente su base volontaria.


 
Cani randagi e altri animali sulle piste

Si accavallano purtroppo le notizie di animali sulle piste degli aeroporti (vedi 13, 16 Agosto e 1° settembre). Se nel secondo caso l’evento può essere compreso (ma non giustificato) trattandosi di una striscia sterrata all’interno di una riserva nella savana africana, il primo e il terzo destano invece preoccupazione. Infatti l’aeroporto civile di Goa è una enclave all’interno di una struttura militare, dove si presume che i controlli siano ferrei, e movimenta ogni anno oltre 7 milioni di passeggeri. La presenza di cani randagi è sostanzialmente una questione di inefficienza della recinzione aeroportuale, ma non va sottovalutata l’abitudine consolidata di tenere animali presso le varie strutture come mascotte, quando non si tratta invece di credenze religiose. L’aeroporto di Goa ha peraltro annunciato misure di mitigazione del fenomeno inclusi la cattura e il riposizionamento altrove dell’incredibile numero di circa 200 cani presenti intorno alle piste.

 
Aggiornata la tabella Inchieste e Processi

Sono stati aggiunti i dati di due inchieste condotte negli Stati Uniti relativamente a due inconvenienti occorsi rispettivamente il 24.11.2013 a Filadelfia e il 27.03.2019 a Nashville.

Inoltre sono state acquisite le sentenze emesse a seguito di procedimenti per risarcimento dei danni subiti per impatti con la fauna selvatica rispettivamente in Australia e in Sud Africa. Pur trattandosi di eventi che hanno coinvolto aeromobili di aviazione generale, tuttavia si ritiene che l’orientamento dei giudici in materia sia comunque rilevante.


 
Eventi rilevanti del trimestre Luglio-Settembre 2019
 
  • 4 Luglio – In rotta tra New York e Ft.Lauderdale
    Jet Blue A321, un’ispezione dopo l’atterraggio rivela che un motore aveva ingerito un volatile; l’aeromobile non ha potuto effettuare la tratta successiva;
  • 8 Luglio – Copenhagen
    Lufthansa A320, subisce un bird strike in atterraggio; volo di ritorno cancellato;
  • 8 Luglio – Dusseldorf, Eurowings A330
     
    un motore ingerice un volatile; l’equipaggio dapprima prosegue la salita poi decide di rientrare e atterra circa 2 ore dopo il decollo dopo aver consumato carburante;
  • 11 Luglio – Parigi (CDG)
    Singapore Airlines A380, durante l’avvicinamento attraversa uno stormo di uccelli e subisce diversi impatti sul radome e sul bordo d’attacco dell’ala destra;

    (Foto di Donald Liew tratta da Avherald.com) 
  • 13 Luglio – Broome (Australia)
    VARA F100, bird strike durante la salita iniziale; l’equipaggio decide di rientrare ed atterra 80’ dopo il decollo dopo aver consumato carburante; 
     
  • 14 Luglio – Dusseldorf
    Eurowings A330, durante la salita iniziale un motore ingerice un volatile; l’equipaggio 
    decide di rientrare ed atterra 50’ dopo il decollo dopo aver consumato carburante; 
  • 14 Luglio – Puerto Vallarta (Messico)
    Magnicharters B737, durante la salita iniziale il motore destro ingerice un volatile ed emette alcuni scoppi; l’equipaggio rientra all’atterraggio con un solo motore; 

    https://www.youtube.com/watch?v=E3c12sL3xck 
  • 16 Luglio – Manila
    Cebu Pacific A320
    , durante la salita iniziale un motore ingerice un volatile; l’equipaggio decide di rientrare ed atterra 20’ dopo il decollo; 
    https://news.mb.com.ph/2019/07/16/cebu-pacific-aborts-flight-due-to-bird-strike/ 
  • 17 Luglio – Traverse City (MI)
    Air Cargo Carriers SH36, bird strike multiplo durante l’avvicinamento; danni lievi; 
     
  • 19 Luglio - Cardiff
    Flybe ERJ175, bird strike durante la salita iniziale; rientro immediato; 
     
  • 19 Luglio – Concord (NC)
    Allegiant A319, bird strike durante l’avvicinamento; 
     
  • 20 Luglio – Dublino
    Aer Lingus B757, durante la corsa di decollo il motore destro ingerisce un volatile; l’equipaggio decide di rientrare e atterra 25’ dopo il decollo; volo e tratta successiva cancellati;
     
  • 22 Luglio – Cincinnati
    Frontier A320, bird strike durante l’avvicinamento;

    https://www.youtube.com/watch?v=E3c12sL3xck 
  • 24 Luglio – Rio de Janeiro (S.Dumont)
    Azul ERJ190, bird strike multiplo durante la salita iniziale; l’equipaggio dirotta sull’aeroporto di Galeao 20’ dopo il decollo; 
     
  • 25 Luglio – Ginevra
    Swiss Bombardier CS-300, durante la salita iniziale il motore sinistro ingerisce un volatile che provoca scoppi e fiammate; l’equipaggio decide di dirottare su Parigi; 
     
  • 25 Luglio – Faro
    Easyjet A319, durante la salita iniziale un motore ingerisce un volatile; rientro immediato 20’ dopo il decollo;
     
  • 26 Luglio – Berlino
    durante la salita iniziale il motore sinistro ingerisce un volatile che provoca scoppi e fiammate; rientro immediato 18’ dopo il decollo; 
     
  • 27 Luglio – Erie (PA)
    Air Wisconsin CRJ200, bird strike in finale; danni lievi; 
     
  • 29 Luglio – Kiev
    Ukraine International Airlines B767, durante la salita iniziale un motore ingerisce un volatile; rientro immediato 20’ dopo il decollo;
    http://www.xinhuanet.com/english/2019-07/30/c_138270232.htm 
  • 30 Luglio – tra Dallas (TX) e New Orleans (LA)
    American A321, una ispezione post-volo rileva un’ammaccatura sul bordo d’attaco dell’ala destra causata dall’impatto con un volatile;


    (L’ammaccatura rilevata sull’ala; foto tratta da Avherald.com) 
  • 30 Luglio – Istanbul
    THY B777, durante l’avvicinamento attraversa uno stormo di uccelli e subisce impatti multipli sul lato sinistro; un’ispezione post-volo rivela impatti multipli sul bordo d’attacco dell’ala sinistra, dalla radice all’estremità, mentre un uccello è penetrato nella parte inferiore dell’ala; l’aeromobile non ha potuto effettuare la tratta successive;

    https://ahvalnews.com/istanbul-airport/turkish-airlines-plane-damaged-after-colliding-birds-istanbul-airport 
  • 6 Agosto – Porto
    United B757, durante la salita iniziale un motore ingerisce un volatile e si pianta; rientro immediato 28’ dopo il decollo; volo cancellato; 
     
  • 7 Agosto – Liverpool
    Ryanair B737, bird strike durante la salita iniziale; l’equipaggio decide di consumare carburante e di rientrare 40’ dopo il decollo; 
     
  • 8 Agosto – Mosca (Zhukovsky)
    Ural Airlines A321, bird strike in atterraggio, colpita la presa d’aria del motore sinistro; 

    https://www.flightglobal.com/news/articles/second-ural-a321-hit-by-birds-a-week-before-field-la-460370/ 
  • 9 Agosto – Columbus (OH)
    American B737
    , durante la salita iniziale attraversa uno stormo di oche e riceve impatti multipli; volo cancellato;  
  • 10 Agosto – Rzeszow (Polonia)
    LOT ERJ195, interrompe il decollo a bassa velocità a seguito dell’impatto con un volatile; volo cancellato;
     
  • 11 Agosto – Lajes
    Azores Airlines A320, bird strike durante l’avvicinamento; l’aeromobile non ha potuto effettuare le tratte successive che sono state cancellate; 
     
  • 13 Agosto – Calgary
    Westjet B737, bird strike durante il decollo; l’equipaggio decide per un rientro immediato;

    https://globalnews.ca/news/5760572/westjet-flight-toronto-calgary-bird-strike/ 
  • 13 Agosto – Goa (India)
    Air India A320, in finale riattacca per la presenza di cani randagi in pista; 
     
  • 15 Agosto – Mosca (Zhukovsky)
    Ural Airlines A321, durante la salita iniziale a circa 750 ft. attraversa uno stormo di gabbiani alcuni dei quali vengono ingeriti in entrambe i motori determinandone la piantata; l’equipaggio riesce a compiere un atterraggio di emergenza in un campo di mais poco distante col carrello retratto; 74 persone ferite;

    https://www.reuters.com/article/us-russia-airplane-accident/russian-plane-makes-emergency-landing-near-moscow-after-bird-strike-idUSKCN1V50E7
  • 16 Agosto – Maasai Mara (Kenia)
    Safarilink Dash 8, durante la corsa di atterraggio investe alcuni gnu  
    (Connochaetes gnou) che attraversavano la pista; danni rilevanti: carrello sinistro staccato, perdita di una pala dall’elica sinistra; 

    (Foto: Eric Stern MD tratta da Avherald.com) 
  • 16 Agosto, Mosca (Vnukovo)
    UTAir B737, durante la salita iniziale subisce un bird strike multiplo; un uccello viene ingerito da un motore ed un altro colpisce il parabrezza. L’equipaggio decide per il rientro immediato 15’ dopo il decollo.

    http://vestnikkavkaza.net/news/Bird-strike-causes-Utair-flight-to-return-to-Vnukovo-airport.html 
  • 26 Agosto – Lahore
    PIA B777, durante l’avvicinamento finale il motore sinistro ingerisce un volatile;

    https://tribune.com.pk/story/2042617/1-lahore-bound-flight-suffers-bird-strike-lands-safely/ 
  • 26 Agosto – Muscat
    Salamair A320, bird strike durante l’avvicinamento; l’aeromobile non ha potuto effettuare la tratta di ritorno;
     
  • 30 Agosto – San Pietroburgo
    Ural Airlines A321, durante iI decollo impatta con uno stormo di uccelli; l’equipaggio decide in un primo momento di proseguire ma successivamente dirotta a Yekaterinburg;

    https://www.eturbonews.com/264909/russian-ural-airlines-another-emergency-landing-after-another-bird-strike/ 
  • 30 Agosto – Brema
    Turkish Airlines B737, durante la salita iniziale impatta con un volatile; l’equipaggio decide per il rientro che avviene 35’ dopo il decollo;
     
  • 1 Settembre – Goa (India)
    Air Asia India A320, su istruzioni della TWR interrompe il decollo a causa della presenza di un cane sulla pista;
     
  • 1 Settembre – New York (JFK)
    Delta A330, bird strike durante l’avvicinamento;
     
  • 1 Settembre – Stoccolma
    SAS A320, bird strike durante l’avvicinamento;
     
  • 2 Settembre – Saint Louis (MO)
    American Airlines A319, durante la salita iniziale un volatile colpisce un motore causando la rottura di due palette; l’equipaggio decide per il rientro che avviene 15’ dopo il decollo;
     
  • 4 Settembre – Ranchi (India)
    Indigo A320, interrompe il decollo a causa dell’impatto con un volatile;

    https://www.hindustantimes.com/india-news/delhi-bound-indigo-flight-suffers-bird-hit-in-ranchi-passengers-safe/story-qdTpvWWyfHLnFmKbutLWiK.html 
  • 4 Settembre – Nanjing (Cina)
    Sichuan Airlines A319, 
    durante la salita iniziale impatta con un volatile; l’equipaggio decide per il rientro che avviene 50’ dopo il decollo; 
  • 6 Settembre – Perth
    Qantas A330, durante la salita iniziale impatta con un’aquila a 4000 ft.; l’equipaggio decide per il rientro che avviene 18’ dopo il decollo;

    https://www.perthnow.com.au/news/wa/perth-to-melbourne-qantas-flight-turns-around-after-hitting-eagle-after-take-off-ng-b881315792z
  • 7 Settembre – Cardiff
    Flybe ERJ175, interrompe il decollo a causa dell’ingestione di un uccello in un motore;

    https://www.walesonline.co.uk/news/wales-news/plane-evacuated-cardiff-airport-after-16881747 
  • 10 Settembre – Abbortsford (Canada)
    Swoop Airlines B737,
     durante la salita iniziale il motore destro ingerisce alcune oche ed emette scoppi e fiammate; rientro immediato 20’ dopo il decollo;
    https://www.citynews1130.com/2019/09/10/witnesses-boom-plane-takeoff-abbotsford/
  • 10 Settembre – Mosca (Sheremetyevo)
    Aeroflot B737, durante l’avvicinamento un giovane gabbiano impatta sul carrello anteriore e vi rimane incastrato;

    https://www.youtube.com/watch?time_continue=22&v=3m1eEG0HEWo 
  • 10 Settembre – Ahmedabad
    GoAir A320, durante la salita iniziale impatta con un volatile; l’equipaggio decide per il rientro che avviene 20’ dopo il decollo;
     
  • 13 Settembre – Los Angeles (CA)
    Norwegian Long Haul B787, durante l’avvicinamento impatta con un volatile ma atterra senza problemi ulteriori; tuttavia l’aeromobile non può effettuare la tratta successiva;
     
  • 15 Settembre – Shangai (Pudong)
    China Eastern A330, durante la salita iniziale impatta con un volatile; l’equipaggio decide per il rientro che avviene 15’ dopo il decollo;

    https://www.thatsmags.com/shanghai/post/29443/flight-from-shanghai-to-brisbane-forced-to-turn-back-after-bird-strike 
  • 15 Settembre - Tiruchirappalli (India)
    Sri Lankan Airlines A320, durante l’avvicinamento il motore destro ingerisce un volatile;

    https://timesofindia.indiatimes.com/city/trichy/srilankan-airlines-plane-suffers-bird-hit-while-approaching-trichy-airport/articleshow/71151853.cms 
  • 16 Settembre – Jaipur (India)
    GoAir A320, interrompe il decollo ad alta velocità a seguito dell’ingestione di un uccello nel motore sinistro;
     
  • 16 Settembre – Istanbul (Ataturk)
    THY A330, bird strike durante la salita iniziale; in assenza di parametri anomali l’equipaggio decide di proseguire il volo ma, raggiunta la quota di crociera, il vetro del parabrezza mostra crepe; rientro circa 2:50 dopo il decollo;
     
  • 17 Settembre – Perth
    Qantas B737, durante la salita iniziale impatta con un volatile; l’equipaggio decide per il rientro che avviene 40’ dopo il decollo;

    https://thewest.com.au/news/aviation/melbourne-bound-qantas-flight-strikes-four-birds-forcing-return-to-perth-ng-b881326591z 
  • 21 Settembre – Londra (Southend)
    Air Malta A320, interrompe il decollo ad alta velocità a seguito dell’ingestione di un volatile nel motore sinistro;

    https://timesofmalta.com/articles/view/air-malta-flight-from-loundon-delayed-due-to-birdstrike.736775 
  • 24 Settembre – West Palm Beach (FL)
    Jetblue A320, durante l’avvicinamento impatta con un uccello che causa un foro nel radome;
     
  • 27 Settembre – Malta
    Air Malta A320, interrompe il decollo ad alta velocità a causa dell’ingestione di un piccione in un motore; volo cancellato e danni ingenti al motore nel quale 24 fan blades su 36 sono risultate danneggiate.

    https://www.maltatoday.com.mt/news/national/97696/bird_strike_grounds_air_malta_plane_all_
    passengers_are_safe#.XZHVqkYzbIU

    Un tecnico mostra i danni causati dal volatile alla fan blade in titanio che ha dato origine al danneggiamento delle altre; 

    (Foto James Bianchi/Media Today) 
  • 29 Settembre – Belfast (City Airport)
    Aer Lingus A320, durante la salita iniziale attraversa uno stormo di uccelli e subiusce diversi impatti; l’equipaggio decide di atterrare sull’aeroporto di Belfast International; volo e tratta di rientro cancellati;

    https://www.belfasttelegraph.co.uk/news/northern-ireland/belfast-to-london-flight-forced-to-turn-back-after-colliding-with-birds-38544587.html
  • 29 Settembre – Phoenix (AZ)
    American A319, bird strike in corto finale (100 ft.);
 
 

 
Il ruolo del controllo del traffico aereo nella prevenzione degli impatti con la fauna selvatica negli aeroporti.

Il controllo del traffico aereo gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione degli incidenti in un contesto normativo in genere chiaro e dettagliato. Tuttavia alcune vicende giudiziarie successive ad eventi di bird strike negli aeroporti hanno visto coinvolti gli enti di controllo del traffico aereo, in particolare la Torre di Controllo, cui in almeno un caso è stato richiesto di risarcire parte del danno in funzione di un’attribuzione di responsabilità.

In questo articolo Valter Battistoni analizza lo stato della normativa ICAO in materia, non tanto e non solo per accertare eventuali responsabilità del controllo del traffico aereo negli eventi di bird strike, quanto soprattutto per valutare se la predetta normativa prenda in considerazione, ed in che modo, il ruolo dell’ATC nella azione di prevenzione ai fini della sicurezza. Si cercherà inoltre di comprendere se la predetta normativa sia applicata in modo uniforme nelle regolamentazioni tecniche dei differenti paesi o se esistano diversità di interpretazioni. Ciò anche in considerazione dell’introduzione in molti aeroporti di nuovi strumenti di rilevazione a distanza, gli avian radar, che peraltro pongono ulteriori problemi di competenze e di gestione.


 
 
 
Loading
Archivio Generale