News e Eventi

Eventi rilevanti del trimestre Luglio - Settembre 2016
  • 1 Luglio – Faisalabal (Pakistan)
    Flydubai B737, durante l’avvicinamento un volatile colpisce il muso dell’aeromobile; 
     
  • 3 Luglio – Paphos
    Ryanair, B737 interrompe il decollo a causa dell’ingestione di un volatile in un motore; 
     
  • 4 Luglio – Sydney
    United Airlines B787, all’altezza di 1000 ft, attraversa uno stormo di uccelli due dei quali colpiscono un motore; pur in assenza di parametri anormali l’equipaggio decide di rientrare circa un’ora dopo per precauzione dopo aver scaricato carburante; volo cancellato; 
     
  • 6 Luglio – Kazan
    S7 Sibir Airlines A319, durante l’avvicinamento un volatile colpisce il muso dell’aeromobile; volo di ritorno ritardato di 9 ore; 
     
  • 7 Luglio – Kathmandu
    Nepal A320, durante la salita iniziale il motore destro ingerisce un volatile; rientro immediato; 
     
  • 10 Luglio – Kiev (Zhulyani) 
    Wizzair A320, bird strike con ingestione in atterraggio (vedi articolo dedicato)
     
  • 10 Luglio – Tolosa
    Brussels Airlines A319, durante l’avvicinamento finale un volatile colpisce il muso dell’aereo ad una quota di circa 1000 ft.; l’equipaggio effettua una riattaccata ed un secondo avvicinamento fino all’atterraggio; volo di ritorno cancellato; 
     
  • 10 Luglio – Cold Lake (Canada)
    Canadian North B737, impatta con un numerosi uccelli durante la richiamata (flare) prima della toccata a meno di 50 ft.; danni lievi; 
     
  • 15 Luglio – Lajes
    Azores Airlines A320, subito dopo il decollo un volatile colpisce un motore causandone la piantata; rientro immediato circa 15’ dopo e volo cancellato;  
     
  • 21 Luglio – Liverpool
    Easyjet A320, durante la salita iniziale un uccello viene ingerito nel motore sinistro causando un forte scoppio ed una temporanea perdita di potenza; subito dopo il motore riprende a funzionare e l’equipaggio decide di proseguire fino a destinazione salvo poi dirottare su un altro aeroporto;
     
  • 24 Luglio – Londra Gatwick
    Easyjet A319, durante la salita iniziale l’equipaggio sospetta di aver subito un impatto con volatile; in assenza di parametri anormali decide di continuare il volo che termina regolarmente; tuttavia il volo di ritorno viene cancellato;
     
  • 28 Luglio – Praia (Capo Verde)
    TAP A320, durante la rotazione il motore destro ingerisce numerosi uccelli; dirottamento immediato su aeroporto con pista più lunga e volo cancellato; 
     
  • 5 Agosto – Brema
    Germania A321, durante la salita iniziale un motore ingerisce alcuni volatili che causano due forti scoppi e fiammate; rientro immediato con un solo motore;
     
  • 9 Agosto – Amsterdam
    KLM B737, interrompe il decollo ad alta velocità (135 kts) a causa dell’impatto con un volatile; rientra al parcheggio ed il volo viene ritardato di 2,5 ore; 
     
  • 11 Agosto – Glasgow
    Thomas Cook A321, subito dopo il decollo un motore ingerisce un volatile; rientro immediato circa 40’ dopo; 
     
  • 12 Agosto – Auckland
    Air New Zealand A320, impatto con un volatile in finale; volo successivo cancellato; 
     
  • 13 Agosto – Denver (CO)
    durante la salita iniziale il motore sinistro ingerisce volatili; rientro immediato circa 20’ più tardi; volo cancellato; 
     
  • 15 Agosto – Hanoi
    Vietnam Airlines B777, durante la salita iniziale attraversa uno stormo di uccelli alcuni dei   quali vengono ingeriti nel motore sinistro che deve essere spento; rientro immediato;  
  • 15 Agosto –Brasilia
    AviancaBrasil A320, durante la salita iniziale un Urubu (Coragypsatratus) impatta il muso dell’aeromobile restandovi incastrato; rientro immediato e volo cancellato; 

    (Foto tratta da Avherald.com) 
  • 16 Agosto – Shenyang
    China Eastern A320, durante l’avvicinamento un volatile impatta sul radome; 

    (Foto tratta da avherald.com) 
  • 17 Agosto – Alghero
    TUIflyNordic B737, durante la salita iniziale in un volo notturno attraversa uno stormo di uccelli alcuni dei   quali vengono ingeriti in un motore causando ammaccature alle palette; rientro immediato e volo ritardato di circa 16 ore; 
     
  • 18 Agosto – Istanbul (Ataturk)
    Qatar A330, immediatamente dopo il decollo il motore sinistro ingerisce uno o più volatili che causano forti scoppi e fiammate  notate sia dai passeggeri che da osservatori a terra; l’equipaggio, in assenza di parametri anormali, in un primo momento attribuisce l’evento allo scoppio di un pneumatico; successivamente, su indicazioni dei passeggeri circa un motore in fiamme, decide di rientrare immediatamente con un solo motore; il motore sinistro ha poi dovuto essere sostituito;
     
  • 18 Agosto – Fuzhou (Cina)
    Fuzhou Airlines B737, durante la salita iniziale un uccello impatta il tubo di pitot causando discordanza fra i dati della velocità; rientra dopo aver consumato carburante; 

    (Foto: Fujian Channel tratta da Avherald.com)
  • 18 Agosto – Buenos Aires (Aeroparque)
    AerolineasArgentinas B737, durante l’avvicinamento un uccello impatta sul muso dell’aereo; 

    (Foto tratta da Avherald.com)
  • 19 Agosto – Manila, China Airlines B74
    durante l’avvicinamento finale attraversa uno stormo di uccelli uno dei quali impatta sul flap dell’ala sinistra restandovi incastrato; una successiva ispezione accerta che il volatile ha causato un piccolo foro sull’ala; volo successivo cancellato; 

    (Foto tratta da Avherald.com) 
  • 19 Agosto – Tomsk
    Aeroflot A321, durante la corsa di decelerazione dopo l’atterraggio il motore destro ingerisce un volatile causando danni; volo successivo cancellato;
  • 21 Agosto – Salt Lake City (UT)
    Compass Airlines ERJ175, in finale un uccello impatta sul radome; danni lievi; 
     
  • 23 Agosto – Pune (India)
    Spicejet B737, interrompe il decollo a causa dell’impatto con un volatile; volo ritardato di 6,5 ore; 
     
  • 24 Agosto, Birmingham
    Thomson B737, dopo il decollo l’equipaggio sospetta un bird strike ed interrompe la salita e rientra; dopo le ispezioni di routine l’aeromobile riparte con un ritardo di circa due ore;  
     
  • 24 Agosto – New York (JFK)
    Singapore Airlines A380, atterra attraversando uno stormo di uccelli almeno un centinaio dei quali vengono trovati morti sulla pista; l’equipaggio riporta tuttavia parametri normali dei motori sostenendo di non aver subito alcun impatto; nonostante ciò il volo di ritorno parte con un ritardo di 11 ore; 
     
  • 28 Agosto – Brno (Rep. Ceca)
    Smartlynx A320, interrompe il decollo ad alta velocità a seguito dell’ingestione di un uccello nel motore destro fermandosi 300 mt. prima della fine pista;
     
  • 29 Agosto – Copenhagen
    Delta Airlines B767, durante la salita iniziale la TWR comunica di aver visto una palla di fuoco uscire dal motore sinistro durante il decollo; l’equipaggio decide di rientrare immediatamente nonostante tutti i parametri siano normali; 
     
  • 29 Agosto – Amsterdam
    KLM ERJ 190, durante la salita iniziale l’equipaggio comunica di aver subito un bird strike al carrello e di dover rientrare; 
     
  • 29 Agosto – Durban
    Qatar Airways B787, durante l’avvicinamento un volatile impatta con il cono di prua; l’aereo resta a terra 31 ore per manutenzione e successivamente rientra vuoto alla base di armamento;

     
    (Foto tratta da Avherald.com) 
  • 30 Agosto – Amsterdam
    Easyjet A319, subisce un bird strike in atterraggio che causa il fermo dell’aereo per 27 ore; 
  • 4 Settembre – Asmara
    FlyDubai B737, durante la salita iniziale attraversa uno stormo di uccelli e subisce una serie di impatti sul radome, ad un sensore dell’angolo di incidenza e a una presa d’aria di un motore; rientro immediate; 
     
  • 5 Settembre – Baltimora (MD)
    WOW Air A321, in finale attraversa uno stormo di grossi volatili, probabilmente oche, almeno uno dei quali colpisce un motore causando vibrazioni;
     
  • 7 Settembre – Sendai
    J-Air ERJ190, durante la salita iniziale il motore destro ingerisce un volatile; rientro immediato; 
     
  • 10 Settembre – ElFasher (Sudan)
    Tarco Airlines B737, durante l’avvicinamento un grosso volatile colpisce il muso dell’aereo rimanendovi incastrato; 

    (Foto Usamah Mohamed, tratta da Avherald.com)
  • 13 Settembre – Londra (Heathrow)
    Delta B767, durante la salita iniziale il motore destro ingerisce un grosso volatile e inizia a malfunzionare; rientro immediato e volo cancellato; 
     
  • 13 Settembre – Vilnius
    Lufthansa A320, interrompe il decollo a bassa velocità a causa della presenza di un animale sulla pista; 
     
  • 13 Settembre – Denver
    Compass Airlines ERJ175, durante l’avvicinamento un uccello colpisce il bordo d’attacco di un’ala; danni lievi; l’aeromobile non può effettuare la tratta successiva; 
     
  • 14 Settembre – Tallinn
    Lufthansa A320, interrompe il decollo ad alta velocità a causa di un impatto con volatili; nessun danno; 
     
  • 15 Settembre – Palma di Maiorca
    Lufthansa A320, durante l’avvicinamento ad una quota di circa 5000 ft. un avvoltoio impatta sul muso dell’aereo rimanendo incastrato nel radome; volo di ritorno cancellato; 

    (
    Foto ConradoAviacion tratta da Avherald.com) 
  • 16 Settembre – Burgas
    Wizza Air A320, interrompe il decollo ad alta velocità (circa 110 kts) a causa di un bird strike; 
     
  • 19 Settembre – Portland
    United B737, in finale l’equipaggio riporta fumo in cabina aggiungendo che il motore destro è stato danneggiato; dopo l’atterraggio comunica che entrambe i motori sono danneggiati; una successive ispezione rileva che l’aereo ha subito danni lievi ad un’ala e ad entrambe i motori a causa dell’impatto con volatile;
     
  • 20 Settembre – Salt Lake City (UT)
    Delta A319, durante la salita iniziale un motore ingerisce un volatile che causa lo stallo dello stesso; durante la manovra di rientro l’equipaggio effettua una riattaccata comunicando lo spegnimento del motore; danni rilevanti;
     
  • 21 Settembre – Rotterdam
    Transavia B737, durante la salita iniziale unmotore ingerisce un volatile ed inizia a vibrare; l’equipaggio decide di atterrare immediatamente su altro aeroporto; danni in corso di valutazione;
     
  • 24 Settembre – Bogota
    Avianca A319, al decollo il motore sinistro ingerisce volatili; dopo aver consumato carburante per circa tre ore l’aereo rientra allo scalo di partenza;
     
  • 24 Settembre – Newark (NJ)
    American B737, durante l’avvicinamento un uccello impatta sul timone; danni in corso di accertamento;
     
  • 25 Settembre – Denver (CO)
    United B737, interrompe il decollo a bassa velocità a seguito di un bird strike sul carrello; la FAA sostiene invece che si sia verificato nel motore sinistro;
     
  • 25 Settembre – Memmingen
    Wizzair A320, interrompe il decollo ad alta velocità a causa dell’ingestione di un uccello nel motore destro;
     
  • 27 Settembre – Multan (Pakistan)
    Flydubai B737, in avvicinamento il motore destro ingerisce un volatile; volo di ritorno non effettuato;
     
  • 29 Settembre – Boise (ID)
    Horizon Airlines Dash 8, bird strike in finale; danni lievi;
     
  • 29 Settembre – Cordoba (Argentina)
    Austral ERJ190, durante la salita iniziale un volatile viene ingerito nel motore destroy che inizia a vibrare; rientro immediate e volo cancellato; 

 
Il BSC USA commenta l’uscita del film “Sully”

Il 9 Settembre scorso è uscito negli Stati Uniti il film “Sully: The Untold Story of the Miracle on the Hudson” basato sull’ammaraggio nel fiume Hudson di un A320 a seguito dell’ingestione di oche canadesi in entrambe i motori con conseguente spegnimento degli stessi.

Il Bird Strike Committee USA ha pubblicato in proposito un apposito documento

http://www.birdstrike.org/wp-content/uploads/2016/09/BSC-USA-Sully-Movie-Media-Brief.pdf

nel quale si possono trovare alcune  discutibili affermazioni, tra cui il fatto che gli impatti con la fauna selvatica sono eventi “relativamente inusuali” e che “gli impatti che causano danni o ferite sono rari”.

Affermazioni suffragate da statistiche, relative però ai soli USA, destinate presumibilmente a tranquillizzare il pubblico americano piuttosto che dibattere seriamente questo importante argomento attinente alla sicurezza aerea.

Nel merito possiamo solo aggiungere che ogni mese nel mondo si contano almeno una decina di casi di ingestione di volatili in un motore mentre le doppie ingestioni, quelle cioè che hanno riguardato entrambe i motori (di un bimotore) sono state almeno cinque nel 2014. Le ingestioni di uccelli nei motori hanno peraltro causato incidenti con la perdita di più di 160 vite umane dal 1960 ad oggi e proprio l’evento dell’Hudson avrebbe potuto causare molte altre vittime.

Sono eventi rari? Certo, se paragonati al numero di decolli, ma allora perché per fenomeni naturali che finora non hanno causato alcuna vittima, quali le ceneri vulcaniche, non si è esitato a chiudere i cieli di mezza Europa con costi enormi?

Da anni lamentiamo la scarsa attenzione e le poche risorse destinate alla prevenzione contro i bird strikes: commenti come questi del BSC USA certamente non aiutano.

Mark Twain sosteneva che esistono tre tipi di bugie: “lies, damnedlies, and statistics”.

 
La FAA continua a valutare la tecnologia all’infrarosso contro i birdstrikes

Nell’intento di dimostrare la validità dei sistemi all’infrarosso come alternativa agli avian radar, la FAA, in partnership con il Port Authority di NewYork e New Jersey, ha in programma di installare un dispositivo tipo

“Interceptor”, prodotto dalla Pharovision (www.pharovision.com), nell’aeroporto La Guardia. Il dispositivo comprende una fotocamera ad immagini termiche, un’altra ad alta risoluzione con dispositivo di accoppiamento di carica (CCD) e un computer per processare le immagini. La FAA spera di stabilire se il rilascio dei dati dal sistema “Interceptor” e la qualità degli stessi possano essere sufficienti al controllo del traffico aereo per modificare le traiettorie di volo o per ritardare le partenze degli aerei al fine di prevenire gli impatti con volatili.

Uno degli aspetti che l’introduzione di questo dispositivo deve affrontare è infatti la sua integrazione nelle operazioni quotidiane dei controllori di volo. La FAA è alle prime fasi dell’elaborazione di un concetto operativo che incorpori un sistema di rilevamento della fauna selvatica nella gestione del traffico aereo.

E’ quello che da tempo noi auspichiamo: la funzione tattica dei sistemi di rilevamento a distanza che preveda il coinvolgimento attivo del controllo del traffico aereo nella prevenzione dei bird strikes.


La WBA cancella il meeting di Muscat
Due mesi prima della data fissata la World BirdstrikeAssociation ha cancellato il previsto meeting che si sarebbe dovuto tenere a Muscat (Oman) dal 5 all’8 Dicembre 2016. Le ragioni dell’improvvisa decisione starebbero nel fatto di aver dovuto fronteggiare troppi problemi finanziari ed organizzativi. La WBA si è autocostituita nel 2012, con una procedura anomala, a margine dell’ultima riunione dell’International Bird Strike Committee, l’organizzazione storica che da diversi decenni si occupava del problema a livello globale.

 
Effettua due tratte con motore danneggiato da un’ingestione di volatili

Il 10 Luglio l’equipaggio di un A320 della Wizzair durante l’atterraggio a Kiev (Zhulyani) nota alcuni uccelli sulla pista. L’ispezione post volo di routine rivela tracce di ingestione di volatili nel motore destro ipotizzando solo danni lievi. Dopo l’ispezione visiva i tecnici rimandano l’ispezione boroscopica alla prossima sosta notturna e rimettono in esercizio l’aeromobile per altre due tratte, Kiev-Larnaca e ritorno. Entrambe i voli si svolgono regolarmente senza alcuna anomalia. Finalmente, durante la sosta notturna alla base di armamento, l’ispezione boroscopica rivela rilevanti danni interni al motore che richiedono la sostituzione complete dello stesso prima di potere effettuare altri voli.

Il caso è praticamente identico a quello occorso nel 2012 ad un A320 della Air New Zealand.

Anche in quel caso i tecnici della compagnia ispezionarono il motore in conformità con il manuale di manutenzione dell’aeromobile e lo stesso giorno lo riammisero nuovamente al servizio commerciale.

I manuali di manutenzione degli aeromobili Airbus prevedono che le parti interne del motore debbano essere ispezionate utilizzando un endoscopio. Tuttavia, dato che l'impatto con i volatili aveva coinvolto un solo motore e nessun danno era stato osservato, l'aeromobile è stato ammesso alla continuazione del servizio per un tempo di volo fino a 10 ore o per un altro settore (un altro decollo e atterraggio), a seconda di quale dei due eventi si fosse presentato per primo. Il motore avrebbe poi dovuto essere sottoposto a ispezione boroscopica. L'aereo fu quindi autorizzato a volare nell’ambito di questa “autorizzazione alla continuità operativa”. Durante l’avvicinamento all'aeroporto internazionale di Auckland lo stesso motore subì tuttavia una piantata a causa di ingenti danni interni.  Questa della Wizzairè stata quindi la seconda evenienza riportata nel mondo in quattro anni in cui un motore V2500 ha richiesto interventi sostanziali nonostante “l’autorizzazione alla continuità operativa” dopo aver subito l’ingestione di un volatile nel “core” del motore. 

Qualche osservazione: se la continuità operativa permessa vale solo per un altro decollo e atterraggio, nel caso di Wizzair questo limite sembra essere stato superato. Inoltre attraversare uno stormo di uccelli e subire un’ingestione è un fatto frequente così come non rilevare immediatamente parametri anomali da parte dell’equipaggio; tuttavia la possibilità concreta che entrambi i motori siano stati oggetto di ingestione dovrebbe indurre a maggior cautela nel riammettere l’aereo in servizio senza adeguata ispezione boroscopica. 


 
Il ruolo del controllo del traffico aereo nella prevenzione degli impatti con la fauna selvatica negli aeroporti.

Il controllo del traffico aereo gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione degli incidenti in un contesto normativo in genere chiaro e dettagliato. Tuttavia alcune vicende giudiziarie successive ad eventi di bird strike negli aeroporti hanno visto coinvolti gli enti di controllo del traffico aereo, in particolare la Torre di Controllo, cui in almeno un caso è stato richiesto di risarcire parte del danno in funzione di un’attribuzione di responsabilità.

In questo articolo Valter Battistoni analizza lo stato della normativa ICAO in materia, non tanto e non solo per accertare eventuali responsabilità del controllo del traffico aereo negli eventi di bird strike, quanto soprattutto per valutare se la predetta normativa prenda in considerazione, ed in che modo, il ruolo dell’ATC nella azione di prevenzione ai fini della sicurezza. Si cercherà inoltre di comprendere se la predetta normativa sia applicata in modo uniforme nelle regolamentazioni tecniche dei differenti paesi o se esistano diversità di interpretazioni. Ciò anche in considerazione dell’introduzione in molti aeroporti di nuovi strumenti di rilevazione a distanza, gli avian radar, che peraltro pongono ulteriori problemi di competenze e di gestione.

 
Prossimi eventi
5-9 Dicembre 2016
Amsterdam, WBA Conference

 
Loading
Archivio Generale